“Forse non doveva andare per forza così…”

Due ragazzi e un’insegnante raccontano la stessa storia, ognuno dal proprio punto di vista. Lorenzo, un ragazzo catapultato dalla grande città alla piccola provincia, non riesce a integrarsi pienamente né a casa né a scuola, dove incontra e si innamora di Antonio, compagno di classe, vittima di una educazione anaffettiva, generata dalla morte del fratello maggiore. Infine Elena, la loro professoressa di italiano che, già stanca di insegnare a quarant’anni, sogna una vita diversa che non riesce a costruire.

Una storia che racconta di un amore sognato che si scontra con le dinamiche di gruppo e i pregiudizi della società. Ne scaturirà un folle atto di violenza fisica, frutto di molti atti di violenza psicologica. Un bacio, dunque, invita a riflettere sulla responsabilità che ognuno di noi può avere nel provocare la propria sofferenza e quella degli altri.

Anche se d’impatto emotivo, la narrazione appare scarna e relativamente superficiale, mentre i protagonisti risultano forse un po’ troppo egoisti e infelici per essere veri. Va comunque riconosciuta a Cotroneo la capacità di scrivere un libro di facile lettura che affronta tematiche profonde e complesse.

  • : 91