il libro delle infinite descrizioni

Il libro non mi ha coinvolto, sia perché la storia non mi ha emozionato ma anche perché non mi è piaciuto lo stile in cui è stato scritto.                                                                                                                                                     La prima parte del libro nonostante tutto mi è risultata più scorrevole, mentre la seconda parte mi ha lasciato insoddisfatta, la scomparsa di Bruno ed il comportamento degli altri personaggi a riguardo della sua fine mi ha lasciato l’amaro in bocca.                                                                                                                     Parlando dello stile narrativo son arrivata a concludere che il vero protagonista del racconto è la montagna;di cui ci sono abbondanti e per me stancanti descrizioni. In più lo stile biografico non mi piace particolarmente, di conseguenza il mio giudizio non migliora. Non posso dire però che Cognetti non abbia scritto bene ma secondo me le parti del libro non si legano tra loro per creare quel qualcosa di magico che ti arriva dritto al cuore.

  • : 412