Intrigante

Quello che risalta maggiormente durante la lettura del libro “Berlin, i fuochi di tegel” è che non solo c’è una lotta continua tra forze distinte e molto accuratamente distinte, ovvero tra il bene e il male, ma si capisce come per alcuni la vita abbia perso di significato visto tutto ciò che è capitato e visto che la morte è sempre più vicina, mentre per altri le relazioni e l’affetto sono ancora il perno delle loro esistenze. Altro aspetto che mi è piaciuto è proprio l’ambientazione, diversa dai posti esotici degli altri libri di questo tipo e più vicina a noi. Quello che penso possa essere un punto debole, ma solo nella prima parte del libro, sta nei nomi complicati dei protagonisti e dei tanti personaggi che può disorientare il lettore, ma poi la cosa si supera dopo le prime venti trenta pagine.