La città degli adolescenti

Questo libro è stato scritto da Fabio Geda e da Marco Magnone nel 2015. La storia racconta di un virus che si è diffuso su tutta Berlino uccidendo tutti gli adulti e lasciano abbandonati a se stessi giovanissimi certi di non avere molto tempo a disposizione.
La città è distrutta, non resta più nulla, i supermercati sono stati presi d’assalto e svuotati, non c’è più niente se non macerie.I ragazzi sopravvissuti sono diventati rivali con lo scopo di trovare di che sfamarsi e trascorrere i pochi anni a disposizione ingannando il tempo. Ma tra la monotonia e la necessità di cibarsi accade qualcosa, Theo, considerato un Figlio del Male, perchè nato da due giovani contagiati dal virus, viene rapito dal gruppo Tegel, sottratto dalle ragazze Haval. L’obbiettivo è di trovare un compagno di giochi  un’altra Figlia del Male che si trova confinata in una stanza dell’aereoporto Tegel. La storia è ben studiata, si capisce fin da subito che non tutto verrà svelato nel primo volume, ma è normale perché Berlin nasce come serie e quindi deve mantenere la giusta tensione narrativa in tutti i volumi. Le ambientazioni sono credibili, possiamo ripercorrere le strade che portano alle varie fazioni con una cartina stampata proprio all’inizio del libro e ogni piazza, ogni luogo descritto dagli autori, è così reale da convincere il lettore di esserci già stato prima.

  • : 421