la mia opinione su: the end of the fucking world

Titolo: The end of the fucking world.

Autore: Charles Forsman

Non so cosa mi aspettavo. Sicuramente non questo.

Avevo visto la serie tv, tutta di un fiato. Pensavo di trovare più informazioni dal fumetto e invece…

Disegni semplicissimi e senza particolari. Le facce dei personaggi sono molto simili tra loro, ma riescono comunque ad esprimere molto bene i sentimenti. Poche parole che racchiudono tutto ciò che i protagonisti pensano. Lettura velocissima ma piena di emozioni.

Nessuna spiegazione in piĂą, nessun dilungamento inutile.

Una storia d’amore, secondo me più di amicizia, raccontata in un modo molto insolito ma forse molto simile alla realtà, almeno a quella di alcuni adolescenti.

L’esagerazione della storia nasconde infatti un fondo di verità: la solitudine in cui molti adolescenti si ritrovano, l’incontro inaspettato con una persona simile a te e da qui il cambiamento di vita.

James. Un ragazzo davvero strano. Solo (strano?). Confuso (strano?). Triste (strano?). Alla fine non così tanto strano.

Colonna sonora per questo fumetto non può che essere la bellissima ballata dei The Replacements  “Sixteen blue”, che parla di quanto è difficile l’età dell’adolescenza.

  • : 4299