La vecchiaia è bella

La storia racconta le vicende dei protagonisti Julian ed Aileen, due innamorati che vivono nella città immaginaria di Aurora, in un futuro post-apocalittico. Ad Aurora è stato scoperto un farmaco, basato sulla nanotecnologia, chiamato Time Deal, capace di dare l’eterna giovinezza, arrestando l’invecchiamento delle cellule. Col tempo l’assunzione del nuovo farmaco diventa obbligatoria, facendo salire al potere della città, e dei suoi abitanti, la casa farmaceutica che l’ha prodotto. Infatti quando un cittadino richiede il Time Deal, diventa un affiliato, ovvero è tenuto a sottostare a determinate regole, imposte dalla casa farmaceutica, ed adorare il Time Deal, come una religione. La narrazione racconta di come Julian, orfano appartenente alla classe sociale più bassa di Aurora, scopre le verità e i pericoli sul misterioso farmaco, mentre Aileen, figlia di importanti e ricchi avvocati della casa farmaceutica, costretta dai genitori ad assumere il farmaco in giovane età, scompare misteriosamente a seguito della comparsa di effetti collaterali del Time Deal, che, come scoprirà, hanno afflitto molte altre persone. Il racconto termina lasciando in sospeso molti quesiti, che spero vengano risolti in un altro capitolo della storia. Lo stile è molto scorrevole e fluido, il linguaggio è semplice e diretto. Il tema principale è l’amore. Sono presenti molti colpi di scena che mantengono alta l’attenzione e fanno crescere un po di suspense, inoltre ci sono molti personaggi con i quali è facile immedesimarsi, rendendo la lettura più piacevole. A me è piaciuto molto questo libro e lo raccomando a tutti gli amanti, come me, del genere fantascientifico e distopico.

  • : 4310