Non si giudica un libro dalla copertina

Non si giudica un libro dalla copertina, ecco perchè ho deciso di leggere Eppure cadiamo felici nonostante non avesse proprio una copertina che mi attirasse, per quello e un po’ perchè tanto qualcosa per scuola dovevo leggere.                                                                                                                                                                        Il primo impatto non è stato esattamente il massimo: lo trovavo un po’ noioso, niente di particolare con una trama semplice, eppure andando avanti non sono comunque riuscita a poggiarlo sul comodino e passare al prossimo libro, quindi direi che alla fine mi è piaciuto.                                                                                                                                             E perchè mi è piaciuto? Di solito un libro ci piace perchè ci si rispecchia nei personaggi o, in altri casi, si sogna di vivere le loro avventure, ma per fortuna io non mi ripsecchio in Gioia Spada; ho degli amici e i miei genitori non sono come i suoi. Eppure cadiamo felici mi è piaciuto perchè riesce ad incuriosirti, a farti dubitare di tutto quello che c’è stato prima e chiedere come andrà a finire.                                                                                                                                                                           E poi c’è la collezione di parole intraducibili, in assoluto i miei pezzi preferiti del romanzo che sono in grado di spiegare sentimenti intraducibili e che anche se non userò mai magari a volte saranno in grado di mettere un po’ più di ordine nella mia testa associando una parola a una sensazione impossibile da spiegare in italiano.

  • : 4286