Recensione Berlin

Spesso da bambini, ma anche da ragazzi, esprimiamo, dentro di noi, il desiderio di avere un mondo senza adulti, perché, a nostro giudizio, ci opprimono eccessivamente, dicendoci cosa dobbiamo o non dobbiamo fare. Questo libro ci fa capire a cosa andremmo incontro in un mondo in cui sono bambini e ragazzi a governare: caos, disordine, guerriglie urbane. Inoltre viene tolta loro la spensieratezza e l’ingenuità che dovrebbero caratterizzare quell’età; per alcuni, addirittura, la vita non ha più un senso, visto tutto quello che hanno sofferto, altri invece vivono di ricordi felici della propria famiglia. Secondo me è un libro molto bello e scorrevole, che tratta di una vicenda facile da capire, nonostante le “sole” 200 pagine.

  • : 421