Recensione ” Lacrime di sale”

Parto dal presupposto che io questo libro non lo volevo leggere, ma considerato il fatto che in biblioteca non c’era altro sono stato “costretto” a prenderlo.

Diversamente dalle mie aspettative il racconto mi ha davvero affascinato per i suoi temi attuali e il modo in cui sono trattati: infatti l’autore riesce a narrare i numerosi fatti raccontando alcune sue vicende personali accadute durante le sue giornate da medico dei rifugiati a Lampedusa.

Pietro Bartolo, l’autore, nel libro racconta anche della sua vita, creando tra un capitolo e l’altro una sorta di biografia che parte dalla sua infanzia e arriva al punto della sua esistenza in cui è padre e marito.

La stesura della storia è molto ben organizzata: la quantità di narrazione è maggiore rispetto a quella dei dialoghi , ma nonostante questo faccia pensare a un testo pesante e poco scorrevole, ” Lacrime di sale” è tutto il contrario.

  • : 331