Rivoluzioni inconciliabili

Abbiamo, nella vita, qualcosa di veramente stabile? o almeno esiste una formula per trovare questa stabilità? In una Francia rivoluzionaria Lavoisier lavora al “trattato di chimica elementare” aiutato da Armand un dodicenne amante dei sogni ad occhi aperti e Pierette una ragazzina ribelle. Aiutando lo scienziato nasce in loro il desiderio dello studio e la capacità di ricerca che sfocia in degli studi a Londra grazie alla generosità dello studioso condannato per tradimento; ma Armand non troverà stabilità nella testa dei rivoluzionari o in quella degli scienziati.Ho trovato molto veloce e scorrevole la lettura; il finale ci fa capire come a volte due rivoluzioni, anche se non opposte, siano inconciliabili. Armand riuscirà a unire i diritti universali con i sentimenti individuali e a far reagire le scoperte chimiche con quelle della Rivoluzione?

  • : 409