Sei la mia speranza in un mondo migliore, baby

Leggendo di questo libro su internet ho trovato molti utenti che lo hanno adorato e altri invece che lo hanno definito un’opera piatta e priva di originalità. Io sono stato incuriosito dal titolo, certamente molto inusuale per un libro di poesie; mi aspettavo un sorta di trasgressione da parte del poeta nei confronti dello stereotipo che la poesia rappresenta, ovvero una materia vecchia e noiosa, soprattutto per le persone più giovani come me. Fatta questa premessa, ora che l’ho finito posso affermare che tutte le mie aspettative sono state soddisfatte.

Le poesie seguono tutte un filo conduttore: l’amore, argomento che qui viene trattato nel suo insieme e non come semplice sentimento che avvicina due persone perché stiano insieme; Catalano tratta in modo ironico, ma sempre intelligente, tutto quello che l’amore comporta: uscire insieme, convivere, fare piccoli gesti d’affetto, litigare e si, anche fare l’amore. L’ultimo punto in particolare viene inserito nelle poesie con una maestria degna di nota, sempre coerente e mai volgare; leggere alcune poesie che parlavano anche di sesso non mi ha mai messo a disagio e anche averle lette in pubblico non ha mai provocato silenzi imbarazzanti.

La varietà delle poesie è un altro fantastico aspetto di quest’opera. Alcune, come per esempio OCCM mi hanno fatto ridere a crepapelle, mentre altre, come Bollettino #1 mi hanno fatto emozionare.

Se dovessi schierarmi in favore di una delle due fazioni di opinionisti certamente avrete capito dove mi schiererei. Emozioni, divertimento e sfrontatezza rendono queste 144 poesie davvero bellissime.