SHIBUMI (giapponese)

SHIBUMI: bellezza poco appariscente. Si tratta della grande raffinatezza che si nasconde dietro un aspetto ordinario e comune.

Ho trovato “Eppure cadiamo felici” un libro molto particolare, scorrevole ma che allo stesso tempo ha bisogno di essere letto con calma per capirlo fino in fondo.

La storia della vita di Gioia è interessante anche se già più volte sentita, è la storia di Lo a rendere veramente questo libro speciale. Per tutto il racconto i lettori sono convinti che il “cattivo” sia il padre, quando in realtà non ha nessuna colpa, tutto perché, come accade continuamente, ascoltiamo solo una versione della storia senza nemmeno pensare che potrebbe non essere la più giusta. Inoltre per quanto le malattie siano uno dei temi maggiormente raccontati, quelle psicologiche come quella di Lo non vengono altrettanto affrontate.

Un altro personaggio che ho trovato molto adatto è Tonia, è una rappresentazione moderna dell’angioletto e del diavoletto sulle spalle, è il tipo di persona di cui tutti avrebbero bisogno (sincera ma non sfacciata) ed il fatto che Gioia abbia un’amica immaginaria aumenta molto l’idea della sua solitudine.

Nel complesso all’inizio può sembrare banale ma appena parte la vera storia è uno di quei libri dai quali è difficile staccarsi

  • : 4279