Sognando la luna

La storia è un’autobiografia raccontata dal nonno materno dell’autore Michael Chabon. Quando nel 1989, il nonno è sul letto di morte a causa di un cancro, il nipote lo va a trovare e in quell’occasione, imbottito di antidolorifici e medicine, gli racconta tutta la storia della sua vita, senza celarne nessun segreto. Una storia, a metà tra un romanzo e un libro di memorie, che racconta la storia del nonno in una cruda America del 1900. Il nonno, di origine ebrea, fu inviato al fronte in Germania durante la Seconda Guerra Mondiale, dove fu testimone delle atrocità naziste. Al ritorno in patria conobbe una ragazza madre, ebrea francese, di cui si innamorò e con cui si sposò. Tramite molti flashback racconta inoltre gli episodi, le avventure e disavventure del nonno, come la prigionia e la perdita del lavoro; le crisi di pazzia della nonna; e accenni della storia della madre dell’autore e sull’autore stesso. Lo stile è accurato, vivace e talvolta ironico, presenta allo stesso tempo elementi divertenti e comici, ed elementi commoventi e tragici. Tratta molti temi come la guerra, il matrimonio, l’avventura, ma soprattutto la famiglia, affrontandolo sotto molti aspetti e punti di vista. Io non lo ho trovato molto soddisfacente, ho apprezzato la trama, sebbene non mi sia piaciuto il modo in cui viene raccontata. Infatti il romanzo è strutturato per episodi che vengono narrati e interrotti, per poi essere ripresi successivamente. 

  • : 4297