The End of the F**king World

The End of the F**king World

Questo è un libro scorrevole e che si brucia in pochissimo tempo di lettura, ma ciò non comporta una mancanza di fatti, intrecci e personaggi al suo interno. La storia tratta della fuga di due adolescenti che fin dall’inizio non promette nulla di buono. I protagonisti sono: James ,un ragazzo disadattato, introverso, psicopatico e incapace di provare sentimento di alcun tipo, e Alyssa, la sua ragazza, ribelle, lunatica e insoddisfatta della sua vita. Entrambi i ragazzi provengono da situazioni familiari complicate, la madre di James morta suicida e i genitori di Alyssa separati, con la madre risposata con un maniaco pervertito. I capitoli sono molto brevi e si alternano tra il pensiero di James e quello della ragazza. Durante la loro fuga Alyssa decide di voler ritrovare il padre e James decide di aiutarla. Intraprendono così un viaggio sfortunato, pieno di imprevisti e inimmaginabili avventure, per sfuggire dagli schemi delle loro noiosissime vite, che non solo ti sorprendono e ti fanno anche un po’ ridere ma renderanno pure l’adolescente incapace di provare emozioni un ricercato dalla polizia. 

Personalmente ho trovato questo libro un po’ confusionario e, anche se si legge davvero molto bene e molto velocemente, ci vuole molta concentrazione prima di capire a fondo il filo conduttore che collega i capitoli e rende la storia scorrevole e lineare. Non so, un consiglio che darei allo scrittore è magari di scrivere qualche pagina in più e di aggiungere qualche particolare. Comunque mi sono molto piaciuti i disegni e anche la storia.  

  • : 4299