Troppo superficiale

Ho trovato questo fumetto poco verosimile, capisco come l’autore abbia cercato di entrare nella mente di un adolescente con alle spalle una situazione difficile ma penso che non ne sia stato capace. L’assurda mania di James di uccidere esseri umani non sarebbe mai stata trascurata dal padre e secondo me non sarebbe potuta svanire nel nulla dopo aver conosciuto bene Alyssa. Anche nella storia della ragazza ho trovato alcuni punti alquanto poco credibili. Lo strano rapporto fra la madre di Alyssa, il suo nuovo fidanzato e la ragazza è purtroppo tranquillamente riproponibile nella vita reale ma non penso che questo possa giustificare il quasi completo disinteresse della madre alla scomparsa della figlia. Trovo assurdo anche il rapporto con il vero padre, capisco la voglia di conoscerlo dopo anni di assenza, ma penso che se dovessi mai trovarmi nella sua situazione l’ultima persona da cui andrei sarebbe un padre che ha abbandonata, data la parziale se non totole sfiducia nei suoi confronti.

Infine trovo che il fumetto cerchi di toccare troppi punti importanti senza approfondirne realmente nessuno. Gran parte delle scene secondo me dagli occhi di un ragazzo non sarebbero mai viste così ( l’omicidio, il tentato violentamemto sia di Alyssa che di James, la situazione familiare) dato che i ragazzi per quanto diversi dal normale sarebbero rimasti traumatizzati secondo me, mentre l’autore fa passare questi eventi quasi come insignificanti all’interno del racconto mentre ne esalta altri di minore importanza.

  • : 4299