Un miglior punto di vista della vita.

Ad essere sincera il libro non è brutto ma a me non è piaciuto . non dico che sia un pessimo libro, il problema è il genere. Non è per niente il genere che io leggo , il libro è ben fatto strutturalmente anche se l’autrice divaga molto e pronuncia tanti nomi che ti fanno confondere e così ti ritrovi a rileggere un pezzo per la seconda volta. All’inizio non capivo nulla sicché avevo smesso di leggerlo subito però poi li diedi una seconda possibilità e ricominciai a leggerlo e non fu cosi male. È una storia commovente che ti fa riflettere molto, e chiederti com’è che lei dopo tutto ciò che le era successo poteva sorridere di nuovo. Ti fa pensare anche al fatto che ciascuno di noi è qua a lamentarsi della propria vita quando lei senza gambe ne mani riuscì a non arrendersi mai. Credo che l’autrice sia stata molto coraggiosa a raccontare la sua storia e credo che  non sia stato facile sicché l’ammiro per questo. Da come scrive e da come narra , dal libro si può capire com’è fatta lei stessa. Una ragazza piena di vita e positività che ti incoraggia ad andare avanti nonostante i problemi. A volte mi piacerebbe essere come lei che riesce sempre a vedere qualcosa di positivo nelle cose. Vedere che lei gode della vita ogni giorno come se fosse l’ultimo, ti fa venire voglia di viverla così anche a te. È un bel libro, lo raccomanderei molto, ti fa vedere la vita da un altro punto di vista.