Un ragazzo (s) fortunato

Kevin è un ragazzo in una complessa situazione familiare in un momento non proprio semplice della sua vita. Questo lo porta a rintanarsi nella pornografia, finché ad una festa a casa di un’amica conosce la madre, che è una consulente sessuale. Così Kevin decide di andare a fare una seduta e mentre è in attesa incontra una Maribel, una ragazza che inizialmente si spaccia per ninfone,  ma che poi quando è sul punto di farlo per la prima volta rivela di avere paura che le persone la tocchino nelle parti intime.

Il libro è molto carino e scritto in modo simpatico. Il libro si sviluppa principalmente a dialoghi e momenti in cui Kevin riflette su cosa dire o su cosa è successo come quando una sera a casa di Maribel a Kevin viene dato da bere un allucinogeno così non ricordandosi cosa abbia fatto durante la notte inizia a rifletterci. Personalmente ho gradito molto il modo giovanile e molto spigliato con cui è stato scritto il libro, mi ha divertito molto e in dei momenti non riuscivo a smettere di leggerlo da quanto ero preso dalla storia e da quanto mi stavo divertendo.

Il libro potrebbe anche essere definito molto scherzosamente un manuale su come affrontare l’adolescenza perché il protagonista ne passa di tutti i colori perché sperimenta cose nuove come gli allucinogeni, bere per la prima volta., una rapina e il fare sesso tutte cose, apparte la rapina che è un’esagerazione di rubare qualcosina, che si fanno durante l’adolescenza. 

  • : 4286