Un ricordo eterno

Fantastici disegni per una storia avvincente: una combo perfetta per scatenare la fantasia del lettore. Ecco che Vivian Maier è voluta andare oltre, facendo di una graphic novel un grande insegnamento etico, sottile, ma anche profondo e nuovo. Confucio disse: “Un’immagine vale più di mille parole”; e allo stesso modo l’autrice mi ha trasmesso quella novità necessaria per iniziare a vedere il mondo sotto una nuova prospettiva. Lei, oltre che essere una profonda storia, rivela un retroscena mozzafiato: l’uomo del secondo millennio ormai passa la sua vita confrontandosi e annotandosi poi tutt’e le proprie imperfezioni su un taccuino. Vivian invece parla di ciò che la circonda e che la cattura: non si sofferma mai abbastanza su se stessa quanto sull’atmosfera che la circonda, sugli odori, sui colori, sui bambini. La scrittrice rivela dunque una nuova prospettiva, una nuova dimensione: è riuscita a farmi assaporare, con grande ingegno, ciò che di bello veramente la vita nasconde… E con un semplice click in quel preciso istante, è possibile fare di una bellezza nascosta un ricordo eterno.

  • : 4290