Un viaggio nella guerra

Questo libro è stato realizzato a seguito di un viaggio fatto dall’autore nei territori del Kurdistan, che si stava opponendo all’ISIStra la Siria, la Turchia e l’Iraq. Ci aiuta bene a conoscere la situazione politica e civile di questi paesi impegnati costantemente in guerre per la sopravvivenza. Il libro si basa sulla determinazione della popolazione dei curdi che, senza riceveremolti aiuti dai paesi vicini, continua a difendere i loro pochi territori rimasti dal califfato. I curdi, oltre che a difendersi, stavano provando anche a riorganizzare il paese con delle innovazioni dell’Occidente come la maggiore libertà delle donne e anche una maggiore tolleranza per la religione. L’autore racconta anche che, durante il suo viaggio, è rimasto sorpreso nel vedere delle donne con armi in mano per combattere. Ha incontrato molti problemi nel passare da uno stato all’altro, essendo stato coinvolto in molti controlli da persone armate e corrotte.
E’ un libro principamente politico che ci insegna di come ci siano persone così determinate e autoritarie che per difendere il loro paese sono disposte a fare qualunque cosa.

  • : 328