Una storia di dolore ma anche di speranza!

Questo libro è bellissimo!Quando vediamo in tv gli sbarchi dei migranti non possiamo capire tutte le orrende cose che subiscono queste persone per arrivare a Lampedusa e questo libro ci racconta, attraverso il dottore dell’isola,proprio delle vite e del destino dei tanti migranti che scappano dalla guerra e dalla miseria.Pietro Bartolo racconta i venticinque anni di lotte per strappare alla morte, spesso anche in condizioni estreme, in mare,sulla terra,negli ambulatori le tante persone che arrivano a Lampedusa per cercare una vita migliore.Ognuno di loro ha una storia da raccontare,ognuno di loro ha lasciato nella traversata un pezzo di se stesso o peggio ancora un caro che non ce l’ha fatta.Sono storie tremende quelle raccontate da Bartolo e lo sono ancor di più se si pensa che sono storie vere e reali.Ci chiediamo molte volte se esistono i supereroi e leggendo libri come questo possiamo darci una risposta;gli eroi sono le persone come Pietro Bartolo che spendono la loro vita al servizio degli altri soffrendo con loro e per loro.Mi sono commossa diverse volte durante la lettura,soprattutto quando si parla dei bambini innocenti che subiscono ogni tipo di barbarie.  Questo è un libro che tocca il cuore e l’anima, che ci fa riflettere e vedere le cose da una diversa angolazione e che serve,secondo me, per rinfrescare a tutti il concetto di fratellanza che purtroppo, in questo mondo, è stato dimenticato.