Wenn ein Gluckliches fallt ( Quando la felicità è qualcosa che cade )

 Nel libro “Eppure Cadiamo Felici”, scritto da Enrico Galiano, è narrata la vita di Gioia Spada, diciassettenne di Pordenone con una particolare situazione familiare.

Maiunagioia, come viene chiamata dai suoi compagni di classe, ha anche due passioni: fotografare le persone di spalle e scrivere nel suo taccuino parole intraducibili.

Una sera durante una lite tra padre e madre esce fuori casa correndo fino ad arrivare al Bar A. Lì conosce Lo, un ragazzo della sua età dato per morto dalla famiglia.

I due si innamorano. Per un po’ di tempo continuano a vedersi la sera al bar o alla chiesetta in collina.  

Un giorno Lo sparisce nel nulla e Gioia comincia a cercarlo.

Il racconto è scritto in modo scorrevole grazie all’uso di un linguaggio semplice.

 Questo libro mi è piaciuto molto e ne consiglio la lettura sia per la storia sia per come Galiano è riuscito a descrivere in modo accurato e veritiero i sentimenti dei ragazzi della nostra età, cosa non facile per gli adulti non sempre capaci di interpretarli in modo corretto.

Personalmente mi ha anche colpito l’uso di parole intraducibili che racchiudono in un unico termine significati che nella nostra lingua andrebbero spiegati utilizzando concetti più lunghi.

 

 

  • : 4279