Tappa a CiviCa per Libernauta #OnTheRoad

Tappa a CiviCa per Libernauta #OnTheRoad

Un “luogo che dove tutto fiorisce” …  la Biblioteca Comunale di Calenzano, (o più semplicemente CiviCa per gli amici ) sorprende subito per la sua “apertura” e solarità.

Un grande open-space tutto a vetri dove davvero anche stando seduti su una poltrona a leggere si può spaziare con gli occhi e con la mente.

Inaugurata nel 2015, è diventata da subito un punto di incontro e di socializzazione per persone di tutte le età! Un vero e proprio centro culturale dove accanto all’offerta classica di libri, dvd e riviste si possono visitare mostre, assistere a spettacoli, vedere un film ecc.

E per i ragazzi? Abbiamo incontrato una bibliotecaria dello staff di CiviCa per farci raccontare qualcosa di più…

 

Ciao Ilaria, complimenti per il vostro lavoro! State creando una realtà culturale molto importante sul territorio.

In particolare ci interessava sapere cosa fate per la promozione alla lettura dei ragazzi nella vostra biblioteca?

Tutti gli anni la responsabile della biblioteca, Francesca Meoli,  presenta un progetto al dirigente scolastico e agli insegnanti referenti dei diversi ordini scolastici sulle varie proposte didattiche/culturali da svolgersi in biblioteca. Lo scorso anno scolastico il personale ha gestito integralmente il progetto, promuovendo in autonomia le varie iniziative,  mentre solitamente si avvale del personale esterno per svolgere le attività con le scuole.  Io sono referente di questi progetti per i docenti.

Nel periodo estivo inoltre la biblioteca è piacevolmente coinvolta in “Progetto Giunti – Aiutaci a crescere. Regalaci un libro” ed è anche partner del concorso promosso dallo SDIAF “Un’estate tutta da leggere”. L’iniziativa è indirizzata ai ragazzi delle 5° classi della scuola Primaria e ai ragazzi della scuola secondaria di 1° grado. Per l’occasione concordiamo degli incontri sia con gli insegnanti che con le classi (le “Pillole di lettura”). Ogni anno abbiamo molti ragazzi iscritti alla biblioteca che partecipano al concorso.

Qual è il vostro rapporto con il pubblico ragazzi/adolescenti? Frequenta la vostra struttura?

Sì, la nostra biblioteca è molto frequentata dai ragazzi di diverse fasce d’età. Molti ragazzi delle medie vivono la biblioteca dopo l’uscita dalla scuola.

Purtroppo in riferimento a questa fascia d’età non sempre la biblioteca è vissuta per lo scopo a cui è destinata, ovvero quello culturale.

Parliamo di Libernauta e della vostra esperienza. Quali sono i punti di forza del progetto? 

Libernauta è un’ottima proposta per i ragazzi. Ricchissima è l’offerta libraria suggerita ai ragazzi sia in termini di scelta che di qualità delle proposte di lettura. Molti libri affrontano tematiche spesso dure, impegnative, ma di grande valore sociale e culturale. Negli anni molti scrittori si sono dedicati e hanno approfondito tematiche del genere. Ho sempre apprezzato molto le scelte del comitato scientifico.

Cosa vorreste che facesse nel futuro Libernauta per coinvolgere ancor di più ragazze e ragazzi?

A mio avviso, bisognerebbe proporre un altro periodo per la partecipazione all’iniziativa. Un esempio? Da novembre ad aprile (come era in passato). Poi credo che sia necessario incentivare la partecipazione con l’attribuzione da parte della scuola di crediti scolastici. Forse ad oggi il rapporto con le scuole è complicato: vorrei che ci fosse una maggior sinergia!

Nel nostro caso la mancanza di una scuola superiore nel territorio limita la riuscita di Libernauta: non possiamo fare rete con gli insegnanti, cosa invece che facciamo normalmente con gli altri ordini scolastici.

Grazie Ilaria per la disponibilità!

 


nessuna recensione